Link alla Homepage
Menu


La copertina del mese
GLI ARTICOLI
dibattiti

"Educazione" sessuale a scuola:

qualcosa non va...

Sono mamma di due ragazze adolescenti che frequentano la scuola superiore e sento il bisogno di condividere questa mia riflessione con altri genitori. Da molto tempo intorno a noi sentiamo spesso parlare dei pericoli che circondano i nostri ragazzi; pericoli talvolta causati da un’informazione sbagliata o distorta su certi argomenti: mass media che ci bombardano con messaggi relativi all’importanza di “apparire” a tutti i costi, a costo anche di compromettere il nostro corpo, la crescita fisica e psicologica dei nostri ragazzi. Accendiamo la televisione e in ogni ora del giorno, l’argomento più diffuso è relativo al sesso. Da qui tanti bei discorsi su come affrontare tale argomento con gli adolescenti. Spesso, purtroppo, deleghiamo ad altri il compito, che è principalmente nostro, di educare i figli alla sessualità; dovremmo  essere disponibili a rispondere noi alle domande che loro vorrebbero porci o perlomeno ascoltarli.

Anche la scuola come Istituzione si sente obbligata a promuovere incontri su tali argomenti. Ma siamo sicuri che ciò venga sempre affrontato nel giusto modo?

Credo di avere con le mie figlie un bel rapporto, disponibile all’ascolto e al dialogo, tanto che la mia secondogenita (1° superiore), un giorno tornando da scuola mi disse che in classe c’era stato l’incontro con la sessuologa, la quale aveva risposto alle domande, prevalentemente di carattere tecnico, che i ragazzi, in forma anonima le avevano rivolto. Ciò è stato a mio parere molto squallido e disgustoso; c’era proprio bisogno di scendere in particolari così scabrosi? Ma la cosa che più mi ha sconvolto, è stata quando la sessuologa alla domanda “che succede se durante un rapporto si rompe un profilattico?” ha risposto: “niente se entro 72 ore prendi la “pillola del giorno dopo”...!

Ma è proprio importante fare questo tipo di incontri, o sarebbe meglio EDUCARE i giovani a vivere la propria sessualità intesa come capacità ad accettare le nuove sensazioni, i propri impulsi, integrandoli nell’affettività, nell’identità personale? Amare è qualcosa di più di fare sesso.

Che tipo di messaggio è arrivato ai nostri figli? Sicuramente fai quello che vuoi, usa il tuo corpo come vuoi, tanto poi...

I valori sono proprio scaduti? Questi ragazzi che adulti saranno?

La sessualità è una componente fondamentale della personalità, un proprio modo di essere, di manifestarsi, di comunicare agli altri, di esprimere e vivere l’umano. Come tale, per essere propria della persona nella sua integrità, la sessualità non può fermarsi al solo pensiero che l’altro è oggetto gratificante che risponde al proprio bisogno, ma realizzarsi nell’amore reciproco, come dono che si manifesta nel riconoscimento dell’altro come “altro complementare”.

Quindi i giovani sono chiamati ad un amore preciso: non quello che vede solo oggetti per soddisfare i propri desideri, ma quello capace di amare le persone per se stesse e in modo sincero.

La società  educa al “tutto e subito” , “all’usa e getta” e al divertimento continuo; ecco per cui un’attività sessuale precoce, per essere “grandi”. Ma grandi gli adolescenti non sono; essi sul piano psicologico non hanno ancora acquisito le competenze emotive e sociali per vivere serenamente e in modo paritario la relazione sessuale.

Un giorno nell’ora di scienze in una quinta elementare, stavo spiegando l’apparato riproduttore quando un bambino mi chiede: “Maestra, ma cosa sono i preservativi?” Io ho risposto a che cosa servono, ponendo anche alcuni interrogativi sul loro utilizzo. E subito un altro alunno è intervenuto dicendo: “ .... Ma via, se uno si vuole divertire un po’!...”.

Forse è meglio cominciare a darsi da fare con i nostri giovani affinché crescano con VALORI veri, coscienti che l’amore è una cosa bella ma molto importante: non deleghiamo ad altri ciò che noi, talvolta con l’aiuto di qualche bravo esperto, dobbiamo fare.

Lettera firmata

Borgo San Lorenzo

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, aprile-maggio 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: [email protected], Tel. 333 3703408