Link alla Homepage
Menu

Copertina Gennaio 2010La copertina del
mese
GLI ARTICOLI
UNA NUOVA RIEVOCAZIONE

I Magi arrivano anche a Borgo

“La cavalcata dei Magi prende vita!”; ha davvero preso vita e alla grande, grazie al Comune di Borgo San Lorenzo, al Comitato Pro-Organo Stefanini 1696 e al Capriccio Armonico, con l‘ausilio e la collaborazione di alcune associazioni di costume di Scarperia (Corteo Storico Palio Diotto), di Ronta di (Gruppo Storico di San Michele), San Piero a Sieve (Compagnia “Tuttattori”), Borgo San Lorenzo (“Teatro Idea”), Pontassieve (I cavalieri del Mulino a vento) e al contributo operativo dalla Pro-Loco, della sezione Soci Coop di Borgo San Lorenzo, del comitato “Nel Borgo”, la Cooperativa “Odissea”, il Bar Pasticceria Italia e il gruppo “acconciature” Giovanna, Stefania e Giorgia, oltre naturalmente al Pievano di Borgo San Lorenzo, Don Maurizio Tagliaferri, che ha spalancato le porte della Pieve romanica per la rievocazione della consegna da parte dei Magi dell’Incenso, Oro e Mirra ai piedi del Bambinello collocato nella culla del Presepe. L’inizio ha avuto il suo proscenio a Villa Pecori Giraldi dove fra  danze del ‘400 e ‘500, la famiglia Medici ha commissionato a Benozzo Gozzoli il celebre affresco “La cavalcata dei Magi” per rievocare lo storico Concilio del 1439 a Firenze (bellissimo, all’interno di Palazzo Medici Riccardi, veramente un capolavoro), con i figuranti del Teatro Idea che hanno reso vita ai membri della famiglia Medici e ai loro ospiti Dopo le danze, all’interno della Sala del Caminetto, coordinate dal Maestro di danza Angelo Paolo de Lucia (che tiene un corso anche a Borgo San Lorenzo), il lungo corteo uscendo dall’antico cancello di Villa Pecori Giraldi e oltrepassato via Caiani e il Santuario del SS. Crocifisso si è incamminato lungo il Corso fino in piazza Cavour, quindi via Mazzini, per proseguire poi in piazza Garibaldi, al corteo storico. Dopo la splendida esibizione degli sbandieratori di Scarperia, il corteo ha fatto l’ingresso in Pieve, al ritmo dei tamburini e al successivo maestoso suono dell’organo (alle tastiere Marilisa Cantini Baluganti) e l’atmosfera, fra la sacralità e la rievocazione è stata emozionante, e di profondo significato. Emozione accresciuta dalla musica poichè dopo la deposizione dei doni ai piedi di Gesù Bambino nel Presepe ci sono stati quattro quadri musicali fra colonna e colonna, con laudi di varie epoche eseguite dai solisti del Capriccio Armonico e dal Gruppo Semplicemente Coro e a conclusione  il complesso vocale del Capriccio Armonico sotto la direzione del Maestro Gianni Mini con all’Organo il Maestro Marilisa Cantini ha eseguito melodie e brani sacri di vari autori e di varie epoche. Al termine, dopo il ringraziamento del pievano don Maurizio Tagliaferri Marilisa Cantini, una delle autentiche “anime” di questa rievocazione storica, nel ricordare gli impegni per il restauro del prezioso e monumentale organo Stefanini 1696, ha dato a tutti l’appuntamento per l’anno prossimo. Infine una nostra annotazione; dopo tanti anni, finalmente, gruppi storici di altri paesi mugellani, hanno sfilato uniti per le strade le vie e le piazze del vecchio Borgo. E’ stata, finalmente, una rappresentazione unitaria, dove scarperiesi, sanpierini, borghigiani, rontesi e pontassievini hanno sfilato insieme con grande calore ed altrettanta amicizia. Finalmente!

Aldo Giovannini

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, gennaio 2011

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: [email protected], Tel. 333 3703408